"... avevo scoperto l'abisso della rassegnazione, la virtù del distacco, il piacere del pensare pulito, l'ebbrezza della creazione politica, il fremito dell'apparire delle cose impossibili..." Altiero Spinelli

Ordini del giorno

Il Trentino territorio denuclearizzato
Centrale nucleare

Il 22 aprile 2009 il Consiglio provinciale ha approvato la mozione presentata dal Gruppo consiliare del PD del Trentino (primo firmatario Michele Nardelli) nella quale si conferma il Trentino come terra denuclearizzata.


Il tema della scelta nucleare è ritornato di attualità per effetto del recente accordo fra Italia e Francia con il quale si sono messe le basi per la realizzazione sul territorio italiano di quattro grandi centrali termonucleari. Così una partita che gli italiani avevano chiuso con un netto pronunciamento popolare nel 1987, ora viene riaperta.

La povertà in Trentino
Trento, anni \'60

(10 marzo 2011) E' stata presentata stamane la Relazione finale dell'Indagine conoscitiva sulla povertà e l'esclusione sociale in Trentino, curata dalla Quarta Commissione Legislativa provinciale in ottemperanza alla mozione approvata nella primavera dello scorso anno. Fornirà la base di partenza per un ampio confronto in Consiglio Provinciale.

http://www.consiglio.provincia.tn.it/allegati_stampa/20110310155022.pdf

 

Scorporare l'acqua da Dolomiti Energia
acqua preziosa
(16 dicembre 2010) Approvato a larga maggioranza in Consiglio Provinciale l'ordine del giorno che chiede lo scorporo del ramo acqua da Dolomiti Energia. L'iniziativa riguarda i 17 Comuni che hanno affidato a DE la gestione dell'acqua (fra i quali Trento e Rovereto) e si affianca agli articoli della Finanziaria che prevedono il mantenimento della gestione pubblica del servizio idrico nei 193 Comuni dove questa avviene attraverso società in house o in economia. L'ordine del giorno approvato chiede anche la moratoria sull'applicazione della legge Ronchi in attesa dell'esito del referendum.

No alla lapidazione di Sakineh
manifestazione per Sakineh

(9 settembre 2010) Una mozione del Gruppo consiliare del PD del Trentino per fermare le ladidazioni e sospendere definitivamente la sentenza di morte di Sakineh Mahammadi - Ashtiani

Nonostante l'annunciata sospensione della sentenza annunciata dal governo iraniano, continua la mobilitazione per salvare la vita di Sakineh e delle altre persone che rischiano la lapidazione. Previsto per mercoledì prossimo 15 settembre un sit in a Trento.

Cittadella militare di Mattarello: rivedere e/o ridurre l'impatto del progetto e delle opere
chaplin
(15 giugno 2010) Una mozione presentata in Consiglio provinciale per rinegoziare la realizzazione delle caserme e delle infrastrutture connesse a Mattarello. La proposta è a firma dei consiglieri Bombarda, Nardelli, Ferrari, Civico, Dorigatti, Firmani e Filippin.

Piano provinciale per gli impianti di telefonia mobile: sì del Consiglio
impianto telefonia

Approvata all'unanimità la mozione per mettere ordine alla proliferazione selvaggia delle antenne

(10 giugno 2010) La mozione del PD del Trentino, primo firmatario Michele Nardelli, per realizzare un aggiornamento costante della mappatura degli impianti esistenti sul territorio provinciale, per la redazione di un Piano provinciale di settore delle infrastrutture delle comunicazioni che punti a razionalizzare l'esistente e all'accorpamento degli impianti, alla eliminazione delle infrastrutture non indispensabili, ad un costante monitoraggio delle potenze di emissione, alla massima riduzione dell'impatto paesaggistico-ambientale delle infrastrutture necessarie. Infine per promuovere, in collaborazione con l'Azienda provinciale per i servizi sanitari e con le strutture scolastiche ed educative, un progetto informativo ed educativo sull'elettrosmog.

3 commenti - commenta | leggi i commenti
Baite, l'ordine del giorno approvato
baita
Nell'ambito della discussione in aula sul Disegno di Legge n.81 "Modificazione della legge urbanistica e altre disposizioni in materia di incentivazione dell'edilizia sostenibile..." ha sollevato una forte attenzione il tema delle baite di montagna e della loro ristrutturazione per fini turistici. Nel corso della discussione l'articolo 36 (ex art.28) è stato modificato e si sono introdotte molte garanzie affinché si evitassero speculazioni, a cominciare dal criterio dei dieci anni di proprietà per accedere ai benefici della legge. E' stato inoltre approvato un ordine del giorno che riprende gran parte delle osservazioni in merito presentate dalla Sat, che alleghiamo.

pagina 3 di 5

12345