"... avevo scoperto l'abisso della rassegnazione, la virtù del distacco, il piacere del pensare pulito, l'ebbrezza della creazione politica, il fremito dell'apparire delle cose impossibili..." Altiero Spinelli

Trento

Congresso condotta di Trento di Sow Food
il butiro del primiero, presidio slow food

Caro Amico Slow Food, è convocato per giovedì 20 marzo ore 19.45 presso il nuovo Bicigrill di Via Lidorno (vicino allo svincolo autostradale Trento Sud) il Congresso della Condotta di Trento.

Sarà un congresso speciale, con il rinnovo del Comitato di Condotta, che resterà in carica per i prossimi 4 anni e in vista del Congresso Nazionale Slow Food di maggio, quando i delegati presenti potranno infatti votare per uno dei due programmi del Nazionale, che avremo il piacere di presentarvi brevemente giovedì.

 

Le città invisibili
Clinker Motel

Lettura spettacolo a cura di Michela Embriaco, Multiversoteatro

Nell'ambito della mostra fotografica di Pierluigi Faggion "Clinker Motel. Ex Italcementi, Trento 2005 - 2013) allestita presso le Gallerie di Piedicastello in collaborazione con il Museo storico del Trentino, una interessante serata dedicata all'umanità degli "invisibili".

 

Energia e ambiente, Trento città virtuosa
Trento nord

È stato presentato il 29 Ottobre il rapporto "Ecosistema Urbano 2013" di Legambiente, Ambiente Italia e Sole 24 Ore, giunto quest'anno alla XX edizione. Il rapporto ha lo scopo di monitorare, secondo diversi parametri, il comportamento più o meno virtuoso dei capoluoghi italiani in relazione agli aspetti energetici ed ambientali. I capoluoghi vengono distinti, per una maggiore confrontabilità dei dati, in tre categorie: di grandi, medie e piccole dimensioni. I dati vengono rilevati mediante un apposito questionario rivolto alle amministrazioni dei comuni capoluogo.

http://www.architetturaecosostenibile.it/curiosita/varie/rapporto-legambiente-classifica-citta-610.html

Una mobilitazione civile contro il neofascismo
Il passato che non passa

(8 novembre 2013) Come avrete avuto modo di leggere sulla stampa locale, diverse realtà dell'associazionismo democratico trentino hanno aderito all'appello dell'ANPI che denuncia l'apertura a Trento di una sede di Casa Pound, gruppo neofascista ormai noto alle cronache.

Si è così deciso da un lato di organizzare un presidio di denuncia e informazione, sabato 9 novembre alle ore 10.00 in p. zza Mario Pasi, simbolo della Resistenza in Trentino, dall'altro di far nascere un Coordinamento Antifascista che sappia creare, nel tempo e con continuità, costanti iniziative di promozione della cultura democratica e dell'impegno civile.

E' forte la consapevolezza, infatti, che il problema non è l'apertura della sede in sé, ma la possibilità che possa diventare un punto di attrazione, in questi tempi di crisi economica, di rancore sociale, di spaesamento: solo con l'impegno costante dell'associazionismo, del mondo della solidarietà e del volontariato, delle cittadine e dei cittadini democratici, questi fenomeni di chiara matrice xenofoba e antisemita potranno essere circoscritti e isolati.

Alleghiamo il volantino con il testo dell'appello: fatelo circolare tra amiche e amici, in modo che l'evento di sabato sia partecipato e vivo.

1 commenti - commenta | leggi i commenti
Conversazioni sul Trentino
L\'abitato di Sardagna
Dialogo fra amici sui nodi del nostro tempo

Stiamo arrivando alla conclusione dell'avventura elettorale. Un mese e mezzo fatto di manifestazioni pubbliche a tema, serate proposte dai circoli e, esperieza inedita, le Conversazioni sul Trentino organizzate in casa di amici.

Queste ultime hanno permesso di realizzare un intenso itinarario di incontri sul territorio, un'esperienza davvero interessante che mi ha permesso di incontrare fin qui oltre duecentocinquanta persone. Alcune di loro avevano già avevano un orientamento favorevole, ma con la maggioranza delle persone incontrate ci si vedeva ed ascoltava per la prima volta. Alcune di queste erano indecise persino se andare a votare, altre a chi dare il proprio voto. Credo che il contatto diretto, le domande, gli approfondimenti abbiano avuto l'effetto di convincere e motivare vorrei dire tutte le persone che ho avuto il piacere di incontrare.

Questo itinerario non si è ancora concluso. Oggi, giovedì 23 ottobre, è prevista un'altra conversazione nella comunità di Sardagna, alle ore 20.30.

Non più e non ancora
Passato, presente e futuro

Dialogo al Parco tra Alberto Pacher e Michele Nardelli

Venerdì 25 ottobre 2013, ore 15.30 - Parco S.Chiara, Trento

"Non più" e "non ancora": un'immagine che bene fotografa questo nostro passaggio di tempo. Profonde trasformazioni che richiedono sguardi nuovi e la fatica di mettere in discussione le chiavi interpretative del passato. Un presente sempre più territoriale e sovranazionale, a cui corrisponde una dimensione nazionale dei corpi intermedi (partiti e non solo) che appare ormai fuori scala. I processi pervasivi della finanza globale ma anche la sua conclamata vulnerabilità e il valore del ritorno alla terra. L'ossessione per la crescita e l'insostenibilità di un modello di sviluppo che consuma il doppio di quel che gli ecosistemi producono. Le città dove viviamo, attraversate dalla stessa dinamica di cambiamento, fra speranza e paura, curiosità e rancore, condivisione e marginalità, riqualificazione e conflittualità.

E' nell'abitare questo contesto del "non più" e del "non ancora" che la politica dovrebbe provare qualche risposta non banale.

In questi mesi si è spesso parlato di continuità e discontinuità anche sul piano dell'assetto politico locale. Riguarda il racconto di quindici anni nei quali il Trentino ha rappresentato un'anomalia politica in un arco alpino segnato dalla paura e dallo spaesamento, ma anche la consapevolezza che nulla sarà più come prima. Presupposto del "fare meglio con meno" è anche l'interrogarsi su ciò che di questo recente passato dovremo lasciarci alle spalle: insomma, la definizione dei "non più" come presupposto obbligatorio alla scoperta dei "non ancora".

Non il taglio netto delle contraddizioni bensì l'incrocio degli sguardi. In questo caso quelli di Alberto Pacher e Michele Nardelli, in un dialogo che simbolicamente è stato  immaginato al Parco S.Chiara, luogo simbolico di una città che deve sapersi interrogare fra i "non più" e i "non ancora" del proprio assetto urbano e del suo rapporto con il territorio trentino.

Open Source nella pubblica amministrazione
Linux, uno dei simboli del software libero

Presso il circolo Arci Chinaski, martedì 22 ottobre alle 17.30 si terrà un incontro con Michele Nardelli sul tema del software libero: "Open source nella pubblica amministrazione".

La Legge provinciale 16/2012 ha introdotto una netta svolta nel processo europeo di migrazione fra il software proprietario e quello libero. Ne parliamo con Michele Nardelli, primo firmatario della LP 16 e candidato alle elezioni provinciali del 27 ottobre.

NB. Da qualche giorno è on-line il video di promozione della LP 16/2012 sul sistema informativo elettronico trentino e il software libero della quale sono stato il presentatore.

Una legge importante che ancora fatica a trovare piena applicazione per i ritardi nella elaborazione del PGSS, il Piano generale di sviluppo del Sinet. Ma che, cià nonostante, rappresenta uno degli atti legislativi più importanti della legislatura appena conclusasi e che quando sarà a regime produrrà effetti positivi tanto sul piano del risparmio che della democrazia digitale.

Potete trovare il video su http://youtu.be/fbRL7Loft8w. Fatelo girare nella rete.

pagina 6 di 13

12345678910111213