"... avevo scoperto l'abisso della rassegnazione, la virtù del distacco, il piacere del pensare pulito, l'ebbrezza della creazione politica, il fremito dell'apparire delle cose impossibili..." Altiero Spinelli

Territorio trentino

Inquinamento elettromagnetico
Inquinamento elettromagnetico

Dopo l'adozione del nuovo regolamento provinciale sulla localizzazione delle antenne di telefonia mobile abbiamo voluto dotarci di un regolamento comunale a tutela della popolazione residente in un'ottica di minimizzazione delle esposizioni ai campi elettromagnetici.

Il regolamento è stato illustrato ai Consiglieri comunali la settimana scorsa, prima di adottarlo definitivamente desideriamo presentarlo alla popolazione per vedere assieme gli aspetti salienti del documento.

Desidero pertanto invitarvi a questo appuntamento, giovedì 4 aprile alle 20.30, presso la casa della cultura - ex caseificio di Caldonazzo. Sarà presente anche il consigliere provinciale Michele Nardelli, presentatore dell'ordine del giorno che ha impegnato la PAT ad assumere un nuovo regolamento provinciale per regola la localizzazione degli impianti.

Matteo Carlin

Centro Commerciale di Lavis: le regole sono quelle della PAT
Immagine progettuale del centro commerciale di lavis

Il Consiglio di Stato ha riconosciuto la correttezza dell'operato della Provincia. Una vittoria anche per chi s'era impegnato contro la realizzazione di questo nuovo monumento al consumo irresponsabile.

Le regole della "legge Olivi" valgono anche per il centro commerciale in località Masere a Lavis. E' quanto affermano i giudici del Consiglio di Stato nella sentenza, depositata ieri, che conferma sostanzialmente il giudizio reso nel 2011 dal Tar di Trento e la correttezza della posizione assunta e difesa dalla Provincia nei confronti del ricorso presentato dalla società promotrice dell'iniziativa commerciale. Il Consiglio di Stato ha dunque nuovamente convalidato l'impianto normativo della Provincia autonoma di Trento relativamente ai principi generali che riguardano i criteri della programmazione commerciale ed in particolare le modalità con cui possono essere d'ora in poi pianificate e insediate le nuove strutture commerciali, anche in riferimento alle dimensioni delle stesse.

Giornata mondiale per il diritto all'acqua: progetto acqua in Tanzania
acqua

Serata promossa dal Comune di Villa Lagarina, Comune di Besenello, Comune di Nomi

L'acqua bene comune e diritto universale è ancora merce di scambio e troppo spesso oggetto di conflitti nel mondo. Il 22 marzo, giorno internazionale dell'acqua, ne parliamo con alcuni testimoni diretti che si occupano di cooperazione internazionale. Dodicesimo appuntamento dell'evento "Obiettivo Zero Emissioni". Esposizione foto del progetto "Dacci da bere" sostenuto anche dal Comune di Villa Lagarina nelle comunità rurali della Tanzania.

Intervengono Fra Ivo Riccadonna, da 30 anni in Bolivia, e Michele Nardelli, Presidente del Forum trenino per la pace e i diritti umani

INFO: Comune di Villa Lagarina 0464 494208
sportelloambiente@comune.villalagarina.tn.it
Facebook.com/comunevillalagarina

Terre salubri alpine
Agricoltura di montagna

Progetto "Agricoltura salubre e sostenibile di Montagna"

A seguito delle iniziative progettuali attuate nel 2012 ed a seguito dell'approvazione della Finanziaria 2013, segnatamente degli art. 23 e 42, invito gli interessati ad una riunione ristretta che si terrà il prossimo 23 gennaio dalle 10 alle 13. presso la sede di TRENTINO SVILUPPO, via F.Zeni 8 a Rovereto. L'incontro, cui sono stati anche invitati gli assessori provinciali Mellarini ed Olivi, si svolgerà tramite tavola rotonda a cui sono stati invitati:

  • Moderatore ( Miorandi, sindaco di Rovereto)
  • Risultati ed obiettivi progettuali (Giovanazzi, responsabile scientifico)
  • La Finanziaria provinciale (Nardelli, consigliere presentatore emendamenti )
  • Il supporto di Trentino sviluppo (Olivi, assessore e Laner, presidente)
  • Il sostegno della PAT (Mellarini, assessore e Nicoletti, direttore Assessorato Agricoltura e Turismo)
  • Il ruolo del Museo civico di Rovereto (Presidente Fiorini e Direttore Finotti)
  • Il ruolo della cooperazione (Schelfi, Presidente Fcoop)
  • L'interesse del Consorzio vini (Lutterotti presid. commiss. protocollo).

Proposta di Accordo fra Istituzioni ed Associazioni rappresentative per lo sviluppo dell'attuazione del progetto

Sono invitati anche i rappresentanti di alcune aziende partecipanti ai progetti di ricerca tossicologica e nutraceutica con ISS.

Cinquant'anni di cambiamenti climatici
Trentino

Presentati oggi i dati sul Trentino dal 1958 al 2010 e le iniziative future della Provincia

(20 dicembre 2012) Presentati stamane in Provincia dal vicepresidente e assessore all'ambiente Alberto Pacher, assieme al dirigente della Protezione civile Roberto Bertoldi e ad alcuni ricercatori della Fondazione Mach, i risultati di uno studio che ha esaminato i dati relativi a temperature e precipitazioni in Trentino dal 1958 al 2010. Il quadro che ne risulta conferma il generale riscaldamento del clima e la sua maggiore intensità negli ultimi 30 anni circa, durante le stagioni primaverile e estiva e nelle ore diurne. Non trova conferma invece  il presunto aumento dell'intensità delle precipitazioni, uno dei fenomeni che dovrebbero accompagnarsi ai cambiamenti climatici. Con l'occasione, è stato fatto il punto sulle iniziative avviate dalla Provincia sul versante sia della mitigazione, ovvero della riduzione delle emissioni di gas serra nell'atmosfera, sia dell'adattamento agli effetti prodotti dall'innalzamento delle temperature. Presentato anche il nuovo sito web www.climatrentino.it

Amianto, l'eredità di un veleno invisibile
Lavori di bonifica dall\'amianto

Incontro con MICHELE NARDELLI, consigliere provinciale e primo firmatario della legge provinciale sui pericoli derivanti dall'amianto (L.P. 5 del 2012)

Il Circolo del Partito Democratico Centro Storico Piedicastello incontra la cittadinanza per un confronto sulla L.P. 5 del 2012, "Modificazioni del testo unico provinciale sulla tutela dell'ambiente dagli inquinamenti: protezione dai pericoli derivanti dall'amianto".

Studiare le immagini di un territorio che cambia
Paolo Sandri, Bellevue (particolare)

Nei giorni scorsi si è svolto a Trento un interessante convegno a carattere regionale dal titolo "A Nord di Trento, a sud di Bolzano. Immagini del territorio, osservazioni delle trasformazioni". Pubblichiamo qui l'intervento introduttivo del convegno.

di Giovanna Ulrici - Michele Stramandinoli (Istituto Nazionale di Urbanistica - Sezione Trentino e Sezione Alto Adige-Südtirol)

(3 dicembre 2012) La storia dell'uomo dentro il suo contesto di vita è una storia di lente ma inesorabili modificazioni che hanno la forza di trasformare un ambiente totalmente naturale in un ambiente antropizzato, un «paesaggio». È in esso che si rende manifesta l'opera degli uomini e delle donne sulla terra e nella terra, ed è in esso che si esprime lo spirito delle comunità che abitano un certo spazio per un certo tempo.

Nel paesaggio convivono i bisogni della natura e le tensioni dell'uomo. È, per usare un espressione di Martin Schwind, «un'opera d'arte collettiva» perché «tutto un popolo crea il suo paesaggio».

Esistono paesaggi molto delicati in cui l'opera dell'uomo si intreccia con particolare sensibilità all'ambiente: è questo il caso dei paesaggi di montagna, in cui l'uomo ha intessuto un dialogo di grande rispetto con la forza della Natura, basato su opere leggere e delicate, costruite con la fatica del lavoro manuale e in virtuoso equilibrio con i cicli naturali.

pagina 7 di 30

123456789101112Succ. »