"... avevo scoperto l'abisso della rassegnazione, la virtù del distacco, il piacere del pensare pulito, l'ebbrezza della creazione politica, il fremito dell'apparire delle cose impossibili..." Altiero Spinelli

Formazione

Primavere. L'Europa e il Mediterraneo
Gelsomini

Venerdì 9 e sabato 10 novembre si svolgerenno il quarto e il quinto (ultimo) appuntamento della Piccola scuola di formazione politica promossa da Legambiente della val Marecchia in ricordo di Gianni Rigotti.

Il quarto seminario avrà come tema "Primavere. L'Europa e il Mediterraneo" e il giorno successivo il tema sarà "La cooperazione per stare al mondo. Darsi il tempo".

Relatore dei seminari è Michele Nardelli, presidente del Forum trentino per la Pace e i Diritti Umani

Riannodare pensiero e politica
libri

Sguardi per abitare il presente

Inizia il 5 novembre 2012 a Villalagarina una piccola Scuola di formazione politica promossa da "Villalagarina Insieme".

Il primo appuntamento ha come titolo "Oltre il Novecento. Nuovi sguardi per abitare la Terra" e vedrà come relatori Marta Baldessarini, Alessio Manica e Michele Nardelli

Economia a colori. Andrea Segrè nuovo presidente della Fondazione Mach
La copertina del libro
 
Andrea Segrè

Economia a colori

Einuadi, 2012
 
 

Il capitalismo, modello dominante preferito dagli economisti, è in crisi profonda. La crescita illimitata, che lo sottende, non funziona più. Diseguaglianze e ingiustizie aumentano. Prima di sbattere contro un nuovo muro, bisogna cambiare strada. Ma per andare dove?

Questo libro ci guida verso un affascinante ma concreto orizzonte. Rimescolando i colori, gli aggettivi e i sostantivi dell'economia appare un altro mondo: un caleidoscopio di molteplici combinazioni. Una piccola grande rivoluzione dove l'economia viene ridimensionata a un capitolo del libro della natura: l'ecologia. Portando, finalmente, a una diversa ricchezza per una società sufficinete e sostenibile, naturale e umana, colorata e anche allegra.

 

1 commenti - commenta | leggi i commenti
Il territorio non è un asino
Asino sardo

Fra sostenibilità e decrescita. Fare meglio con meno. Cultura del limite e risorse locali

Terzo appuntamento nel percrso di formazione politica dedicato alla figura di Gianni Rigotti. Relatore Michele Nardelli

La metafora della bestia da soma, proposta da Alberto Magnaghi ne "Il progetto locale" (Bollati Boringhieri, ultima edizione 2010), bene si addice alla declinazione del concetto - fin troppo abusato - di sostenibilità. Perché la sostenibilità non è il limite massimo di carico consentito in un determinato momento, ma un rapporto equilibrato con la saggezza del sapere e del tempo di riproducibilità di un determinato bene. Dalle analisi proposte dagli scienziati riuniti attorno al Club di Roma nel 1972 con il loro documento su "I limiti dello sviluppo" alla realtà odierna dove il limite è stato da tempo oltrepassato. Le previsioni indicano che nel 2030 gli esseri umani sul pianeta saranno 9 miliardi: o si cambia nella direzione della sobrietà o sarà la guerra.

Riflessioni attorno alla crisi della Sardegna
Ogliastra

(24 settembre 2012) Guido Melis, deputato del PD, grande conoscitore e studioso della pubblica amministrazione, offre una disamina puntuale dei problemi che affliggono la Sardegna e che si riverberano anche sulla politica nazionale.

Il saggio in allegato è  la relazione alla Scuola politica delle ACLI sarde, L'Argentiera (SS), 22 settembre 2012.

Responsabilità e partecipazione
la locandina del corso

Una piccola scuola di formazione politica

Dal 7 settembre al 10 novembre. Percorso di formazione dedicato ai giovani, a quanti operano nel sociale e a tutti coloro che desiderano impegnarsi per una cittadinanza attiva e globale. Cinque conversazioni con Michele Nardelli (vedi il programma).

Un impegno che ci eravamo dati con l'amico Gianni Rigotti, prima che ci lasciasse. E che ora si è concretizzato grazie ai suoi compagni e amici di Secchiano Marecchia e Novafeltria.

Il capitalismo in-finito. Una recensione
La copertina del libro

Aldo Bonomi

Il capitalismo in-finito

Indagine sui territori della crisi

Einaudi, 2013

 

Ciò che resta e ciò che sarà del capitalismo (finito o in-finito che sia) nell'Italia della crisi: dalla Torino postfordista ai porti della Liguria, da Milano al Veneto del modello del nordest, dall'Italia di mezzo fino al Sud, un'indagine sul declino e sulle risorse del nostro paese.

 

Non più e non ancora 

di Luca Paolazzi

Credo che la condizione indispensabile per dare soluzione all'incertezza del nostro tempo sia la conoscenza della realtà in cui viviamo. Il nuovo libro di Bonomi è innanzitutto questo, uno strumento per capire la nostra realtà, da dove veniamo e dove stiamo andando, o per dirla con l'autore, per narrare il "non più" e capire il "non ancora". Conoscere e capire sono passaggi obbligati per immaginare il nostro futuro.

 

pagina 6 di 13

12345678910111213